La Storia

Lo stemma
Struttura:
Su scudo Sannitico detto anche scudo francese moderno. Lo scudo sannitico è stato anche adottato come supporto ufficiale nell’araldica civica e militare italiana

I 3 Gigli:
“ fleur de lys “ Rappresentano la Casa Reale Francese, concessi ad Antonio Incontri del Re di Napoli Carlo d’Angiò ( Figlio del Re di Francia) intorno al 1270 – il Giglio è il simbolo della Monarchia Francese, poi divenuti anche simbolo di Firenze.

I 2 leoni:
derivano dal normanno Riccardo I, detto Cuor di Leone, famoso per la sua partecipazione alle crociate, aveva come proprio emblema i 2 leoni che da allora in poi compariranno sempre negli stemmi delle case regnanti inglesi francesi e diventeranno, insieme al giglio, il simbolo stesso della monarchia.

La banda oro:
E’ simbolo di ricchezza, comando, potenza. I Colori “ Oro e Blu “ sono i colori ufficiali della Casa Monarchica Francese.

​Stemma dei Marchesi Incontri
(Volterra, Firenze)

Stemma: D’azzurro alla banda d’oro accostata in capo e in punta da 2 leoni d’ oro leoparditi correnti; al capo d’Angiò

Nobilissimo ed assai antico casato toscano, della Città di Volterra e tra quelle, che possedevono Feudi in dettoTerritorio fino al tempo dell’Imperatore Carlo Magno Rè di Francia, quale avendo discacciato dalla bella Italia i Rè Longobardi, costituì all’uso di Francia molti Feudatari, e con quel Feudo, o Signoria distingueva li Nobili da gli altri Cittadini.
Attilio Incontri venne ammesso alla cittadinanza fiorentina nei primi anni del XVII secolo.

INFORMATIVA PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (Cookies & GDPR) maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi